Medico specialista in chirurgia protesica mininvasiva di anca e ginocchio

Interventi protesti mininvasiva ginocchio

Il dottor Enis Rustemi esegue interventi per l’applicazione di protesi mininvasiva del ginocchio. Questo particolare trattamento di chirurgia ortopedica avanzata consente di porre rimedio alle più diffuse patologie del ginocchio quali artrosi e traumi distorsivi. Grazie agli interventi di meniscectomia consente ai pazienti di conseguire un netto miglioramento della qualità della vita e un recupero rapido e meno doloroso rispetto a quanto garantito dalla chirurgia tradizionale. Uno dei vantaggi della protesi mininvasiva del ginocchio è proprio la possibilità di riprodurre in modo fedele la fisiologia delle articolazioni, consentendo un pieno recupero delle funzionalità.

CHIRURGIA PROTESICA MININVASIVA DEL GINOCCHIO

L’artrosi del ginocchio è una delle patologie più diffuse per entrambi i sessi, con un’incidenza del 10,1% nella popolazione di età superiore ai 65 anni. Questa patologia ha fattori di rischio specifici quali l’obesità, i traumi distorsivi del ginocchio associati a lesioni capsulo-legamentose, gl’interventi di meniscectomia, l’attività sportiva a forte carico e impatto quale il calcio, la pallacanestro, il rugby, la pallavolo e il culturismo soprattutto se praticate a livello professionistico. In molti casi il dolore quotidiano riduce la qualità della vita e ne consegue che la limitata mobilità e la grave impotenza funzionale rendono necessario l’intervento di protesi al ginocchio. L’intervento al ginocchio viene eseguito dalla mia equipe mediante una tecnica mininvasiva, senza incidere pertanto le strutture “nobili” dell’articolazione quali muscoli e tendini, preservandone pertanto le funzionalità e consentendo un pronto recupero. Grazie allo sviluppo tecnologico sono oggi disponibili numerosi design protesici basati su fondamenti biomeccanici differenti al fine di riprodurre nel modo più accurato possibile la fisiologia articolare.

A questo scopo selezioniamo gli impianti protesici “personalizzati” con l’intento di riprodurre il più possibile l’anatomia del paziente. Per questa ragione, a seconda della patologia artrosica, adottiamo protesi monocompartimentali mediali, laterali, fermoro-rotulee o la più funzionale combinazione di queste. Lo scopo è quello di preservare la porzione sana del ginocchio non affetta da artrosi e allo stesso tempo i legamenti. Grazie a questo approccio è possibile ridurre il dolore e consentire un più rapido recupero funzionale con la possibilità di ritornare a praticare numerose attività sportive. Nei casi specifici di artrosi di tutti e tre i compartimenti del ginocchio, vengono eseguiti interventi di protesi totali con tecnica mininvasiva.